BED & BREAKFAST IN CONDOMINIO

BED & BREAKFAST IN CONDOMINIO

Il B&B consiste nell’ ospitare a pagamento delle persone nella propria abitazione.

Dal giugno 2011 è in vigore il nuovo Codice del Turismo, di cui al D.Lgs. 22 maggio 2011 n. 79, che ha introdotto il Bed & Breakfast a carattere imprenditoriale. Pertanto dall’ anno 2011, le persone che vogliono avviare un’ attività hanno a disposizione due tipologie:
- i classici B&B a carattere familiare, dove è previsto alloggio presso la propria residenza e offerta di cibi e bevande preconfezionate a colazione;
- i B&B a carattere imprenditoriale.

Negli ultimi anni, visto il dilagare di queste attività, si è assistito ad un ampio dibattito giurisprudenziale, con numerose pronunce che si sono concentrate soprattutto sull’efficacia dei regolamenti condominiali di natura contrattuale disciplinanti il divieto dell’ attività di B&B.
Si premette che, in assenza di regolamenti condominiali, il proprietario dell’unità immobiliare, può modificare la destinazione d’uso a condizione che si tratti di una modifica ammessa dalla legislazione regionale; mentre, nel legittimo esercizio dell’autonomia contrattuale, i partecipanti al condominio possono deliberare delle limitazioni all’uso anche delle unità immobiliari di proprietà esclusiva, solamente PREVIO CONSENSO DI TUTTI I PARTECIPANTI AL CONDOMINIO.

Tra le limitazioni alle unità immobiliari in condominio vanno annoverati i c.d. divieti di destinazione d’uso, ossia norme che vietano al condominio di destinare l’unità immobiliare in proprietà esclusiva determinati usi (es. studi medici, attività di ristorazione, scuole di ballo, affitta camere, b&b, ecc.)