CONDHOTEL: ARRIVA IL MIX TRA CONDOMINIO E ALBERGO

CONDHOTEL: ARRIVA IL MIX TRA CONDOMINIO E ALBERGO

Anche in Italia sarà possibile creare il "Condhotel". La formula, usata soprattutto negli Stati Uniti, nei Paesi del Nord Europa e in Spagna, prevede che il proprietario di un albergo possa vendere una stanza autonoma e indipendente, dotata di cucina, ad un soggetto che ne possa fruire in modo esclusivo per le proprie ferie o darlo a sua volta in affitto nei periodi in cui non lo utilizza, affidando l'incarico al gestore della struttura alberghiera e dividendo con lui i ricavi.

I proprietari, inoltre , potranno inoltre godere dei servizi offerti dalla struttura alberghiera, condividendone la responsabilità in un'ottica che si può definire condominiale..

Con il Dpcm b. 13 del 22 gennaio scorso, in vigore dal 22 marzo scorso, si vuole incentivare la riqualificazione degli alberghi e favorire la ricettività turistica, utilizzando questo singolare ibrido tra condominio e albergo, che all'estero è molto apprezzato.

In particolare, il regolamento ministeriale illustra nello specifico tutte le caratteristiche che deve possedere il Condhotel per essere riconosciuto come tale. Innanzitutto, il titotale della struttura alberghiera può decidere di trasformare in appartamenti da vendere con la formula del "Condhotel" una porzione della struttura esistente fino ad un massimo del 40% della superficie. Nell'albergo devono esserci almento 7 camere, al netto delle unità abitative ad uso residenziale, ubicate in una o più unità immobiliari inserite in un contesto unitario, collocate nel medesimo comune, e aventi distanza suoperiore a 200 metri lineari dall'edificio alberghiero sede del ricevimento.

E' poi necessario che la struttura conti su una unica reception destinata a coloro che usufruiscono del Condhotel, si in qualità di ospiti dell'esercizio alberghiero che di proprietari delle unità abitative a uso residenziale, con la possibilità di prevedere un ingresso specifico e separatp ad uso esclusivo di dipendenti e fornitori.

Per aprire un condhotel gli hotel devono avere almeno tre stelle.

La normativa impone infine il rispetto delle regole vigenti in materia di agibilità per le unità abitative ad uso residenziale.